La parte che mi ha preoccupato di più era la costruzione delle Blinkenlights.
Cosa sono le blinkenlights direte voi…..bene dovete sapere che la BeBox aveva come particolarità due barre di 16 led incastonate nel case frontale che mostravano quanto il processore era impegnato ad elaborare. Le barre erano due e questo perchè normalmente la macchina aveva due processori e quindi indicava il carico di lavoro per processore.
Ho dovuto spulciare un bel pò internet per capire come , e se , era possibile fare lo stesso con la replica che andavo a realizzare 

 

 

Ecco la bebox con la barra dei led

Dopo un discreto girovagare ho trovato un progetto del 1998 (la macchina risale a quei periodi per cui è normale) di un ingegnere che attualmente lavora come sviluppatore software a Google che avevo costruito proprio le barre luminose che servivano a me….Dopo aver tribolato un pò per cercare  la mail , l’ho contattato e dopo qualche giorno mi ha risposto dicendomi che mi avrebbe fornito il codice sorgente del suo programma e che era soddisfatto e onorato che lo avessi utilizzato per questo progetto…

Seguendo lo schema che ho trovato nella sua pagina ho cominciato la costruzione del prototipo di una bancata di led per un processore

    La costruzione è terminata dopo qualche ora di assemblaggio e di test per vedere se tutte le piste (dato che si tratta di un prototipo erano state filate tutte a mano) erano correttamente collegate rispetto allo schema dell’autore

    Questo è lo schema di collegamento dell’autore…..in pratica il programma manda un codice di 4 bit alla porta parallela e tramite gli LM3914 , che  è un circuito integrato progettato da National Semiconductor nel 1980 e utilizzato per azionare display che mostrano visivamente l’entità di un segnale analogico…In questo caso il programma residente sul computer che gira sotto BeOs invia i dati alla parallela che saranno poi interpretati dal driver led

    Finita la costruzione del versante hardware, andiamo a vedere il lato software………Alla prossima puntata

    Pin It on Pinterest

    Share This